venerdì 20 novembre 2015

Libro: "Settembre" di Massimo Citi



TitoloSettembre
AutoreMassimo Citi
Pubblicazione testo originale: settembre 2015
Edizione lettaCS_libri,  pagine 133

Non avevo mai letto una Space Opera e quando ho saputo da Massimi Citi, attraverso il suo blog, dell'uscita di Settembre, non ho avuto dubbi sull'acquistarlo; non perché conosca la scrittura dell'autore, ma dalla sua descrizione del racconto: "... un soggetto di tipo militare. Ma militare non significa militarista... Il centro della vicenda è un assedio, come ai tempi delle fortezze e dei castelli... Ma la vicenda più spiccatamente militare è accompagnata da altri due temi che ho particolarmente a cuore. Da un lato l'utilizzo da parte degli umani del corredo cromosomico delle altre specie, dall'altro la biologia dei pianeti extrasolari", non quindi una banale storia militare.
Dalla sinossi:
Settembre è una superterra quasi interamente coperta di acqua. Vi abita un popolo, i comeniti, discendenti della popolazione ellenica attuale. La Seconda Onda di arrivo sul pianeta è stata formata da popoli del sud-est asiatico e del Pacifico. Il pianeta fa parte di una coalizione di mondi popolati da esseri umani e, quando invasori giunti da un pianeta estraneo alla coalizione attaccano Settembre, i comeniti chiedono aiuto agli altri mondi
E da qui inizia la narrazione degli avvenimenti su Settembre. Come premesso, non ho mai letto questo genere di storie e abituato dai film mi aspettavo una narrazione più legata ad aspetti militari, come scene di combattimenti e descrizioni di strategie militari, ma non ne sono rimasto deluso. Questa "mancanza" è sopperita dalle ottime descrizioni che Citi fa del pianeta alieno (è lampante la sua passione per la biologia dei pianeti extrasolari) e da una sorta di intrigo (la situazione su Settembre non è così banale come appare). Inoltre, forse, se avesse calcato maggiormente la mano sugli aspetti prettamente militari, il lettore si sarebbe distratto perdendo il vero significato del racconto "... un assedio... come è accaduto di recente con Kobane, nella terra dei Curdi. Quanto ai «cattivi» si tratta dei Gioanniti, ovvero gli interpreti di una particolare lettura dei testi sacri... per riaffermare che è possibile criticare le religioni degli altri soltanto se, dal canto proprio, si ha il cervello libero da allucinazioni mistiche di ogni genere" ovvero la guerra che sta avvenendo su Settembre è la proiezione della situazione politico-religiosa che stiamo vivendo ormai da vari anni.
Una lettura piacevole, mai pesante e mai banale. Avrei preferito ulteriori pagine dedicate ai Tranx, ma è gusto personale.
Una piccola nota sui nomi dell'equipaggiamento militare, ce sono alcuni da sci-fi moderna come velder e altri da vecchia fantascienza come rotovibranti, ma nessun attrito, basta veramente poco per far sì che tali nomi ci sembrino del tutto normali, merito di Citi.


Giudizio finale: ottimo acquisto



Michele

34 commenti:

  1. Non è proprio il mio genere ma è sempre interessante scoprire nuovi mondi tramite il vostro blog. Una buona giornata Michele:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo periodo sto leggendo "Grandi speranze", ma ogni tanto mi ci vuole una lettura più adrenalinica e questa è stata perfetta per soddisfare le mi esigenze.
      Buona serata ^^

      Elimina
  2. Non è neanche il mio genere, ma in bocca al lupo comunque all'autore, di cui visito ogni tanto il blog.

    RispondiElimina
  3. Invece è il mio di genere, conosco molto bene l'autore e posso confermare che è molto bravo nella descrizione di ambienti extrasolari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son sempre stato tentato di leggere le storie tratte dai videogiochi di stampo sci-fi militare, ma ho sempre avuto il timore che fossero schifezze, invece con Citi mi son fidato e ho avuto ragione

      Elimina
  4. Grazie per la rece ma, prima ancora, per aver letto il romanzo... Ho inserito un link al mio ultimo articolo su Fronte e Retro. dove, per puro caso, parlavo proprio di «Settembre».

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentilissimo, grazie (^_^).
      Poi leggerò il tuo articolo, come faccio sempre d'altronde ^^

      Elimina
  5. Mi ispira moltissimo, soprattutto per il pretesto utilizzato per sviluppare la storia narrata. Per il resto, non ho confini su generi et similia, mi piacciono i buoni libri.
    Le atmosfere suggerite stuzzicano la mia vena sci-fi, sicuramente *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scritto nella recensione, non è una banale storia militare

      Elimina
  6. Ottima segnalazione, autore che ho scoperto grazie al blog di Nick Parisi, ammetto di non avere ancora letto nulla di suo ma la curiosità è grande. Il post de "la nostra libreria" è un ulteriore sprone a darmi una mossa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho conosciuto Citi tramite Nick ^^ e stai facendo pubblicità al blog nel blog stesso... fenomenale :D
      Però è la nostra Libreria, ammettilo che hai sbagliato di proposito (;一_一)

      Elimina
    2. Ussignur, L maiuscola chiedo scusa, credo che non te lo abbiano mai detto: ma lo sai che si pignolo? hahahaha. Scherzi a parte, dai non è peccato citare Nick. Comunque sia, ribadisco ottima segnalazione.

      Elimina
    3. Non mi riferivo a Nick :D
      Il post de "la nostra libreria" è frase da commento scritto in un altro blog, cioè sei nel blog A e citi il blog B, invece in questo caso sei nel blog A e citi il blog A, questo intendevo AHAHAH

      Posso essere anche più pignolo (゜-゜)

      Elimina
    4. Ecco, è confermato, mi hai mandato in confusione. Non ci capisco più nulla.

      Elimina
    5. Anche Glò, che è ligure, mi dice spesso che non ci capisce nulla, sarà coincidenza? ^_^;

      Elimina
    6. Però, pur rovinandoci un po' gli ingranaggi, 'st'aria salmastra ci fa respirare bene eh! XD

      Elimina
  7. Ho sentito parla re di questo libro ma ero del tutot digiuna si trattasse di un film di fantascienza . Pensare che da piccina non perdevo una pellicola, poi il mio entusiasmo si è un po' smorzato da" grande", ma questa segnalazione mi intriga non poco..
    Grazie infinite Michelino mio bacione!|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente il titolo non fa pensare ad un racconto sci-fi.
      Grazie a te e buona serata ^^

      Elimina
  8. Io non saprei dire nemmeno che cos'è un ambiente extrasolare :(

    RispondiElimina
  9. Ma insomma: sto soffrendooooooooooooo!
    Non c'è l'ebook?
    E come faccio io a leggerlo eh? Come faccio io?
    Non è mica giusto farmi allertare i neuroni e poi dirmi: no tu no, l'ebook non c'è!
    Ho letto la presentazione, ho letto l'articolo dell'Autore nel suo blog, e resto con un palmo di naso?
    Cattivissimo Autore, siamo nel 2015!
    Un bel ebook su Amazon no?

    RispondiElimina
  10. L'ho trovato e comprato!
    Ma non cancello il mio commento precedente: giusto per farvi capire cosa vuol dire oggi non avere un testo in ebook: panico totale per una povera vecchietta come me!
    Grazie, Gentile Autore! (Ovviamente ritiro il precedente Cattivissimo)
    Preso proprio su Amazon, e con un solo click!
    Ah, che soddisfazione!
    Ora non mi resta che leggerlo!
    Grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, grazie, ecc...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo che la troppa musica portasse al delirio :P
      Lo divorerai sicuramente questo libro

      Elimina
  11. Trovo molto interessante l'accenno alla xenobiologia. Quest'estate ho letto un saggio in proposito e se l'autore è bravo e la sfrutta bene può dare degli interessanti spunti.
    Tra l'altro mi pare che siamo pure concittadini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per questo che ho scritto "Avrei preferito ulteriori pagine dedicate ai Tranx".
      Sull'esser concittadini vai sul suo blog e approfondisci la questione :D

      Elimina
  12. Non è il mio genere, ma sembra affascinante... Certi libri rimangono impressi, specie se ben presentati, come questo :)

    RispondiElimina
  13. Dovrei leggerlo, dato che è lì che aspetta. E' anche un periodo in cui mi sto riavvicinando alla space opera... e non mi stupisce che militare per Max non significhi militarista. Mi stupirebbe il contrario. Spero di leggerlo presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come prima lettura di una space opera ho scelto Citi, perché ciò che temevo per questo genere di racconti è una narrazione basata soprattutto su aspetti militari, che mi piacciono, ma che possono portare a noia. Non è così per Settembre, sono andato su ciò che ritenevo sicuro e ho avuto ragione.

      Elimina